L’arrivo degli antibiotci e l’Argento Colloidale

Le ricerche sull’argento colloidale rallentano fortemente appena inizia la ricerca sugli antibiotici. Gli antibiotici erano così promettenti che nel 1969 gli Stati Uniti pensavano di poter già chiudere il capitolo delle malattie infettive.

Purtroppo gli antibiotici hanno cominciato a perdere la loro efficacia contro i batteri. Produciamo sempre nuovi antibiotici e i batteri  non smettono di sviluppare resistenze.

E’ anche vero che la ricerca verso farmaci più remunerativi ha investito molto meno per la ricerca di una nuova classe di antibiotici.

Vincenzo Tiberio nato a Sepino in Molise il 1° maggio 1869 si dedicò con passione alla ricerca microbiologica nell’ambito dell’Igiene e della Microbiologia per tutta la vita.

Nel 1895 individuò per la prima volta il potere battericida di alcune particolari muffe: Nel cortile della casa di Arzano, dove viveva, vi era una cisterna per l’acqua piovana utilizzata anche per bere. Sul bordo della cisterna crescevano muffe che venivano, per ovvi motivi igienici, periodicamente eliminate. Ebbene, Tiberio notò che quando le muffe non c’erano si manifestavano infezioni gastrointestinali a carico degli utilizzatori dell’acqua, quando invece c’erano l’uso dell’acqua era innocuo. Egli intuì un collegamento tra la presenza delle muffe e la crescita di batteri patogeni per l’organismo umano. Tiberio riuscì a dimostrare come l’azione terapeutica delle muffe fosse legata ad alcune sostanze presenti in esse. Riuscì inoltre ad isolare alcune di queste sostanze fino ad arrivare alla preparazione di una sostanza con effetti antibiotici.

“Nella sostanza cellulare delle muffe esaminate sono contenuti dei principi solubili in acqua, forniti di azione battericida.”  L’acido micofenolico (MPA) è stato il primo vero antibiotico della storia!

L’attività scientifica di Tiberio era assai più progredita di quella di Alexander Fleming nel 1928/29 che arrivò alla scoperta della penicillina.

Non ci resta che riscoprire il vecchio argento colloidale?

Per farselo da soli l’Argento colloidale servono un paio di elettrodi in Argento purissimo, garantito e certificato da un laboratorio di analisi.


L’ACQUISTO della COPPIA di ELETTRODI I in ARGENTO PURO:

Produciamo elettrodi in Argento puro 999 in 2 formati diversi e li puoi acquistare on-line attraverso eBay e Amazon:

  1. Coppia elettrodi in Argento puro 999 certificato, dimensioni 11 cm x 2,5 mm, spessore circa 0,37 mm, peso circa 0,98+0,98 grammi elettrodi-Argento-puro-999-lastrine 11 cm x 2,5 mm autoproduzione-Argento-Colloidale
  2. Coppia elettrodi in Argento puro 999 certificato, dimensioni 11 cm x 5 mm, spessore circa 0,37 mm, peso circa 1,98+1,98 grammi elettrodi-Argento-puro-999-lastrine 11 cm x 5 mm autoproduzione-Argento-Colloidale

Produciamo anche una spirale in Argento puro 999 per depurare e rivitalizzare l’acqua di casa, qualcosa di semplice per il nostro benessere quotidiano:

  1. spirale in Argento puro 999/1000 certificata, dimensioni spirale 11 cm x 2,5 mm (circa 6 spire), spessore della lastrina circa 0,37 mm, peso circa 0,98 grammi lastrina-spirale-Argento-puro 999-depurare-rivitalizzare-acqua-casa

Su eBay puoi leggere oltre 10 anni di feedback positivi ad ulteriore garanzia sull’acquisto che stai per fare! Su Amazon invece siamo da qualche mese, devi aiutarci Tu a costruire una buona reputazione e per questo già Ti ringraziamo.


A questa pagina puoi trovare alcuni libri che ho trovato sull’argento colloidale e che Ti consiglio.

… acquista su Amazon! e sostieni la diffusione dell’ argento colloidale e del Blog

acquista su Amazon! e sostieni la diffusione dell' argento colloidale

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...